Oblysis depura le acque reflue con una nuova tecnologia aerobica

Oblysis depura le acque reflue con una nuova tecnologia aerobica

La dea dei mari scende in campo per depurare le acque reflue civili e industriali con Oblysis, una nuova tecnologia aerobica a fango granulare. È questo quello che fa Teti Aqe, spin-off del Gruppo Riverso, azienda che opera nel campo della gestione dei rifiuti speciali.

Tutto ruota attorno all’acquisizione della licenza per l’Italia del brevetto Oblysis che promette un trattamento biologico dei reflui civili e industriali con riduzione dei fanghi di risulta e minor uso di energia.

Per approfondire la bontà del brevetto abbiamo dato la parola all’ingegnere ambientale Ilaria Pibiri, l’esperta dei processi Oblysis in Teti Aqe, che parte da una constatazione: “Il trattamento biologico delle acque reflue basato sul processo a fanghi aerobici granulari sta riscuotendo un interesse sempre maggiore in seno alla comunità scientifica grazie alle sue peculiari caratteristiche che lo rendono fortemente competitivo rispetto alle tecnologie convenzionali (sistemi a fanghi attivi, a biomassa adesa), sia dal punto di vista tecnico, sia dal punto di vista economico.

Continua a leggere su Green Planner Magazine: Oblysis depura le acque reflue con una nuova tecnologia aerobica https://www.greenplanner.it/2020/11/19/oblysis-depurazione-acque-reflue/

Download articolo pubblicato su Greenplanner